21
Agosto
2021

Come trattare la pelle di vitello degli accessori, strumenti e metodi

 

Quando si parla di accessori in pelle, di solito, si apre un discorso tutto italiano, fatto di manodopera di altissima qualità. Esistono tantissimi negozi, come Florence Leather Market, che rappresentano un fiore all’occhiello per questo mercato che sta diventando, nel tempo, sempre più commerciale.

Comprare cinture, borse, portafogli, valigie in pelle significa investire in un materiale durevole, di alto pregio e unico nel suo genere. Comprare in Italia vuol dire acquistare prodotti realizzati con passione, impegno e attenzione nei minimi dettagli. 

Abbiamo detto che gli accessori in vera pelle sono di prima qualità ma è pur sempre bene prendersene cura come si deve, ma come trattare quindi questo materiale?

Manutenzione

Per capire come trattare bene i propri accessori in pelle non si deve mai lasciarli esposti all’acqua o ad agenti chimici, che andrebbero solo a danneggiarli e togliere loro la vivacità e brillantezza. Allo stesso tempo, però, la pelle non deve risultare troppo ‘disidratata’.

Donna che pulisce borsa in pelle con panno morbido

Anche se non vediamo particolari macchie o sporco non dobbiamo pensare di lasciare il prodotto così com’è. Ogni mese o, al massimo, due, sarebbe bene passare una crema nutriente e un lucido dello stesso colore.

Che strumenti usare per trattare la pelle al meglio?

La pelle è stata usata per secoli per realizzare oggetti di tutti i tipi, in particolare la pelle di vitello. È per questo che sarebbe bene cercare di pulirla solo con strumenti naturali e delicati. Spesso è consigliato l’uso di spazzole dalle setole morbide, che con movimenti circolari possono ben pulire questo materiale, insieme all’utilizzo di un panno morbido che toglierà tutti i residui di macchie.

Tantissime persone, se possiedono molti accessori in pelle, preferiscono acquistare un vaporizzatore che non usa solventi chimici ed è quindi più sicuro e naturale. 

Se le macchie che vogliamo trattare sono particolarmente ostinate, allora si devono utilizzare creme apposite per la pulizia della pelle di vitello, le quali non devono essere composte da troppa acqua perché, oltre a essere sinonimo di un prodotto di bassa qualità, porterebbe anche a un’espansione della macchia o, addirittura, alla creazione di nuove.

L’attenzione deve essere posta soprattutto sul non graffiare il materiale, bisogna essere delicati e trattare gentilmente e con tocco leggero, quindi non bisogna assolutamente usare strumenti abrasivi, come spugne. Meglio prediligere panni in pelle assorbente.

Metodi per pulire la pelle di vitello

Ci sono dei passaggi, più o meno precisi per andare a prendersi cura degli accessori in vera pelle di vitello. 

In maniera preliminare, possiamo dire che bisogna togliere lo sporco e la polvere che si trovano sulla superficie. 

In secondo luogo, con una spazzola piccola e soffice, per arrivare anche nelle zone più difficili da trattare, è bene strofinare per ammorbidire la pelle e prepararla al trattamento vero e proprio. 

Dopodiché, si deve tamponare l’oggetto con il vaporizzatore come suddetto, per poi far asciugare tutto per almeno 24 ore.

Se notiamo che i danni che vediamo sulla nostra borsa (o portafogli, cintura, tracolla) sono irreparabili, come macchie difficili o strappi, rivolgersi a un ‘restauratore’ esperto sarà l’unica soluzione attuabile, perché saprà bene come fare per recuperare l’accessorio e ravvivarlo.

In conclusione, le pelletterie italiane (e in particolare toscane) sono un’industria da tenere viva, perché è una forma di artigianato che ha forme e design di altri tempi, di cui non compriamo solo l’oggetto in sé ma tutte le idee, i progetti e il lavoro che portano con sé, ognuno in una forma unica e propria.

14
Agosto
2021

Tutto sulla valigia, storia e origini di questa borsa da viaggio

 

Di cartone, tessuto, legno o addirittura ferro, la valigia, seppur differente da quella a cui siamo abituati oggi, sembra aver debuttato presto nelle nostre vite. 

La valigia, le origini

Il primo accessorio riconducibile ad una valigia è datato, infatti, XIV secolo A.C. e fu rinvenuto nella tomba del faraone Tutankhamon.

Già allora, furono trovati circa cinquanta cofanetti con stoffe, cosmetici e vari oggetti di uso quotidiano che sarebbero serviti al celebre personaggio d’Egitto che si apprestava a compiere il suo viaggio verso l’aldilà. Ed è dal viaggio, in cavallo tra i feudi medievali, negli spostamenti per mare e per terra dei Greci e Romani, in carrozza agli inizi dell’800 o per turismo in antiche automobili, che nasce la necessità di trasporto dei propri beni materiali come vestiti, gioielli, scarpe.

Le grandi dimensioni che caratterizzano le antiche valigie, chiamate bauli, venivano anche usati anche come giacigli su cui adagiarsi per dormire, durante le faticose traversate sulle navi mercantili.

Viaggiare, un po’ di anni fa infatti, significava spostarsi lentamente e, pertanto, non esistevano viaggi facili e veloci. A metà dell’800, però, le cose iniziarono a cambiare, la tecnologia compiva passi da gigante, i mezzi che permettevano di andare da un posto all’altro cominciarono ad essere più rapidi e i viaggi si fecero brevi. Questo portò ad una diminuzione anche degli oggetti da portare con sé e quindi alle dimensioni delle valigie.

L’evoluzione delle valigie 

Il viaggio in treno si diffuse velocemente in questo periodo e le valigie da ingombranti e pesanti bauli diventarono borsoni, meno rigidi e facilmente trasportabili. Con le automobili, poi, ci fu un ulteriore passo in avanti, i bagagli si rimpicciolirono ancora per permettere di trovare facilmente spazio nel bagagliaio della macchina.

Con il trasporto aereo, che impose dei limiti di peso e spazio, ci fu un’ulteriore svolta per le valige. Nel 1950, prima in America e dopo in tutta Europa, impazzarono le valigie capienti ma più leggere di pelle, perfette per l’imbarco in aereo. 

Dalla valigia in pelle, si passò poi a quella in propilene e, dopo ancora, al trolley, il bagaglio per eccellenza del viaggio.

Florence Leather Market vanta un’ampia collezione di borsoni da viaggio, in vera pelle, realizzati in laboratori italiani e da artigiani qualificati ed esperti, vieni a dare un’occhiata!

 

7
Agosto
2021

Tutte le novità sulle borse per la stagione Fall/Winter 2021/2022

 

Quando parliamo di borse di pelle si fa riferimento ad un accessorio sia per l’uomo che per la donna realizzati con materiali di qualità. In quest’articolo di oggi vi parleremo di Florence Leather Market. 

Qualità, eleganza e dettagli

Ogni borsa realizzata da Florence Leather Market risulta essere molto elegante, ed è realizzata interamente a mano e con cura anche nei dettagli più minimi. Inoltre, le nostre creazioni, essendo fabbricate con materiali di qualità ed eccellenza, perdurano nel tempo senza mostrare segni di usura.  

Ma ora veniamo a noi e andiamo a vedere quali saranno le borse che faranno tendenza nella prossima stagione

Come ogni collezione di Florence Leather Market, anche quella dell’inverno 2021/2022 è ricca di dettagli, particolari originale oltre a forme e colori insoliti. Andiamo a scoprire insieme i modelli più in voga della collezione.

  • Borsa a tracolla: la borsa a tracolla rappresenta quel tipo di borsa che non si smentisce mai. E’ la borsa ideale che ogni donna deve avere all’interno dell’armadio e che può essere indossata in qualsiasi occasione. La borsa a tracolla di Florence Leather Market è ricca di dettagli. Come già detto questo tipo di borsa si può indossare in qualsiasi occasione, dall’aperitivo con le amiche fino al classico appuntamento di lavoro, insomma un accessorio che si adatta in qualsiasi situazione. Ovviamente, le borse a tracolla della collezione winter sono realizzate con tonalità più scure, tenui e con dettagli preziosi.

Tra le borse a tracolla che potete trovare sul sito abbiamo la borsa Vala, disponibile in varie colorazioni, con scomparto interno e con zip sul retro; oppure la borsa a tracolla Dalida, realizzata anch’essa in vari colori e in vera pelle di vitello.

  • Shopping bag: la shopping bag è una delle borse più pratiche e comode presente in tutte le collezioni, in quanto, questo modello è caratterizzato da dimensioni più ampie e colori più scuri. Anche questo tipo di borsa è contraddistinta da dettagli particolari e dalla tracolla, ideale per quelle donne che non amano indossare la borsa a mano.  Borsa marrone in pelle con manici lunghi Tra le shopping bag più vendute sul sito abbiamo la Eloisa, una vera e propria borsa con la b maiuscola, realizzata in pelle saffiano e disponibile in varie colorazioni come beige, rosso, giallo, nero e bianca. Anche la borsa Fabrizia risulta essere una delle migliori shopping bag, realizzata in vera pelle e con manici rotondi in legno.

 

  • La pochette: rispetto alla borsa a tracolla o la shopping bag, la pochette è di piccole dimensioni e adatta sicuramente per le serate più eleganti. L’unico dettaglio rispetto alle altre borse è la chiusura in quanto è rigorosamente a scatto.

 

Conclusioni

Sul sito online Florence Leather Market potete trovare un’ampia gamma di borse, in diverse forme e colorazioni. Venite a dare un’occhiata!

28
Luglio
2021

Come abbinare e indossare una cintura in pelle

 

Ad ognuno la sua cintura  

La cintura in pelle Made in Italy è un accessorio senza tempo che può essere abbinato a qualsiasi look. 

Per scegliere il modello più adatto a te presta attenzione a:

– Taglia: per essere sicuro che sia corretta misura il tuo girovita nel punto in cui di solito porti la cintura, in alternativa puoi basarti sulla taglia dei tuoi pantaloni (questa opzione è meno sicura perché spesso non c’è corrispondenza tra le taglie delle varie nazioni). Se possiedi già una cintura ma non conosci la sua taglia misura la distanza tra il foro più usato e la fine della fibbia. Il numero risultante sarà quello del tuo girovita a cui devi aggiungere circa 15 cm;

– Altezza: può variare dai 30 ai 40 mm. La norma prevede che più una cintura è alta più è adatta per un look casual o sportivo;

– Allacciatura: solitamente le cinture hanno 5 fori. Per fare in modo che la cintura sia perfettamente allineata e la fibbia sia nel centro dei pantaloni ti consigliamo di utilizzare il terzo foro.

Le nostre cinture sono manifatture Made in Italy realizzate artigianalmente e sono degli accessori in pelle irrinunciabili per completare e valorizzare qualsiasi look.

Cintura Si o Cintura No

Se sei indeciso se indossare o meno la cintura, presta attenzione ai dettagli dell’abito: i pantaloni hanno i passanti? Dovrai indossare la camicia dentro i pantaloni? In questi casi la cintura è d’obbligo.

Per rendere il tuo look più sofisticato puoi abbinare il colore della pelle della cintura a quello delle scarpe, mentre la fibbia può essere abbinata al colore degli accessori.

Tendenzialmente il ton-sur-ton è la scelta migliore, ma ricorda che invece, nel caso di look informali e casual, puoi ottenere un bell’effetto giocando con i contrasti ed utilizzare cinture di pellami differenti, come ad esempio vacchetta o pelle nappata.

La cintura, ovviamente, non è un accessorio solo maschile ma può essere utilizzata anche da un pubblico femminile e non solo con i pantaloni. Per esempio, con un abito lungo e morbido al fine di valorizzare il punto vita; di un colore particolare a contrasto con un total look monocromatico, per vivacizzarlo; ma anche come finitura di capispalla, cardigan o kimono.

Consiglio: rendi il tuo outfit ancora più particolare, interessante, glamour, scegliendo una borsa che può essere in abbinamento o in contrasto con i colori del tuo look.

Sul nostro shop online troverai una vastissima gamma di cinture, borse, valigette e accessori (portafogli, tracolle etc) in vera pelle di artigianato italiano adatti a tutte le esigenze.

Cinture must-have

Le cinture che devi avere assolutamente nel tuo guardaroba sono due:

Per abito da sera e occasioni formali – cintura larga meno di 4 cm con fibbia piccola e liscia (oro o argento), di pelle lucida nera o marrone, semplice e non decorata.

Per occasioni informali e tempo libero – cintura larga circa 4 cm con fibbia di grandi dimensioni, di pelle naturale o opaca color cuoio, marrone o blu, può essere decorata. È l’accessorio perfetto per i jeans.

Per i look femminili valgono le regole sopra descritte tenendo conto che c’è una maggiore varietà di altezze per rendere la cintura ancora più versatile ed abbinabile a diversi capi d’abbigliamento.

Perchè scegliere una cintura in pelle

Una cintura in pelle è un investimento, soprattutto se di artigianato Made in Italy: è molto robusta, non si screpola e non si lacera; è elastica e con l’utilizzo si ammorbidisce adattandosi sempre meglio alla tua fisicità, inoltre resiste in maniera ottimale ad ogni temperatura.

Se ben conservata è un accessorio “eterno” e senza tempo.

21
Luglio
2021

Tutte le tecniche di colorazione dei pellami

 

Quando si acquista una cintura, un portafoglio, una borsa o altro accessorio in pelle è molto importante verificare non solo la presenza del logo made in Italy, ma anche la qualità complessiva della manifattura e la maniera in cui è stato rifinito. A questo riguardo è bene ricordare che nel corso del tempo le tecniche riguardanti la colorazione dei pellami hanno subito profonde trasformazioni. I nuovi metodi vengono eseguiti da esperti artigiani all’interno delle concerie e assicurano durevolezza nel tempo. Ecco quali sono i sistemi più diffusi che vengono eseguiti con tinte di origine naturale o sintetica.

Tintura a spruzzo e in bottale

La pelle può assumere varie colorazioni anche grazie all’uso di un macchinario equipaggiato con pistole rotanti che erogano la tinta sull’accessorio. Si parla in questo caso di tinteggiatura a spruzzo, molto apprezzata dalle aziende specializzate nella produzione di oggetti in pelle perché consente di ottenere risultati impeccabili in poco tempo, riducendo allo stesso tempo il ricorso alla manodopera. Diversa è invece la tecnica a bottale, che prevede l’immersione dell’accessorio in pelle all’interno di recipienti che ruotano e che contengono una soluzione a base di acqua e colore. Il recipiente viene poi riscaldato fino in modo che il liquido all’interno possa raggiungere una temperatura di circa 60°C così che possa distribuirsi in modo omogeneo sul manufatto.

Tintura a tampone su tavolo

Le tecniche di colorazione made in Italy comprendono anche la colorazione a tampone, altrimenti nota come a spazzolo, che trova maggiormente applicazione in caso di pelletteria che viene conciata al tannino oppure all’allume. Per eseguire questo tipo di procedimento è necessario disporre di un tavolo con un piano convesso realizzato in rame. L’accessorio in pelle viene poi adagiato sul piano e colorato attentamente dall’esperto artigiano, grazie all’uso di una spazzola in crine che viene precedentemente immersa nella tintura.

Questa tecnica, a differenza della tintura a spruzzo e in bottale, richiede comunque tempi più lunghi, oltre all’impiego di manodopera altamente specializzata.

Tintura della pelle con l’uso di coloranti naturali

Una valigetta, borsa o tracolla, così come tanti altri oggetti in pelle, oggi vengono spesso colorati con tinte di origine naturale, specialmente derivate dal campeggio. Si tratta di un legno che tende al rosso scuro, assai diffuso nell’America meridionale, ma anche in altri paesi come ad esempio Inghilterra e Spagna.

Le caratteristiche di questo legno sono da ricercare proprio nei suoi principi attivi che, quanto estratti e lasciati riposare per il tempo necessario, formano ematine, ovvero dei cristalli dal caratteristico colore giallo chiaro. Quando questa sostanza viene abbinata con ossidi metallici genera differenti tonalità, che possono essere tendenti al blu scuro, oltre che nere e rosse.

La pelle tuttavia non viene solo tinta con il campeggio, ma anche con altri legni che racchiudono estratti coloranti. Il sandalo, ad esempio, serve per conferire al manufatto un colore rosso intenso, mentre il legno di fustello conferisce una tinta gialla.

Altri colori naturali usati per lavorare la pelletteria

Le tinte naturali non sono solo quelle che derivano dal legno, ma includono anche speciali lacche chiamate tanniche, che vengono maggiormente impiegate per colorare il fondo dell’accessorio in pelle. Questo genere di lacche si ottiene estraendo i tannini che sono presenti nelle piante. Più nello specifico, viene maggiormente impiegata la pianta di somacco, molto versatile perché offre vari sali, come quelli di alluminio, piombo e antimonio che danno rispettivamente una colorazione verde, nocciola e gialla. Questa pianta consente persino di colorare la pelle di viola, giallo bruno e nero, perché contiene anche sali di titanio, rame e ferro.

Tinte artificiali per la colorazione della pelle

Negli ultimi anni hanno preso piede anche i colori artificiali o sintetici per colorare la pelle. Rispetto a quelli naturali offrono grandi vantaggi perché permettono di portare a termine le lavorazioni in tempi molto rapidi. Queste tinte, inoltre, si rivelano particolarmente intense e durevoli nel tempo.

Chiamate aniline, queste colorazioni non naturali possono essere acide o basiche. Nel primo caso sono maggiormente indicati per produrre oggetti in cuoio conciato al cromo. I colori basici, invece, vengono impiegati sulla pelletteria conciata al tannino, ovvero vegetale.

Pelletteria made in italy di qualità

Alla luce di quanto spiegato si comprende bene come la colorazione dei pellami si rivela un’operazione abbastanza complessa e impegnativa, che può essere eseguita solo da artigiani che hanno acquisito una certa competenza. Diversamente i risultati che si ottengono non possono essere resistenti, all’altezza delle aspettative e soprattutto a regola d’arte. Ecco perché in fase di acquisto degli accessori in pelle è importante affidarsi a rivenditori seri, altamente specializzati nella lavorazione della pelle e del cuoio.

Il negozio online Florence Leather Market impiega solo materiali di prima scelta, che vengono conciati, colorati e lavorati in Italia, da destinare alla vendita non solo all’interno dei confini nazionali, ma in tutte le parti del mondo. Scorrendo le vetrine di Florence Leather Market sarà possibile acquistare la cintura, il portafoglio, la valigetta, la tracolla o la borsa sempre desiderati approfittando dei prezzi competitivi e delle numerose promozioni periodiche.

Ogni prodotto è un vero e proprio gioiello di artigianato, creato grazie alle migliori tecniche, in maniera sostenibile e nel pieno rispetto dell’ambiente. La

manifattura di Florence Leather Market si distingue ed è pensata per resistere al cambiamento continuo delle mode. Grazie all’ampio assortimento di accessori in pelle, disponibili in colorazioni e modelli sempre differenti, sarà facile trovare quello che possa fare al proprio caso.